Etienne Doirat, Regency Period Chest Of Drawers With Old Men's Heads And Apollo Mask.

7.500
XVIII secolo
Luigi XIV, Reggenza
CONSEGNA
Da: 89260, La chapelle sur oreuse, Francia

Cambia il tuo indirizzo per ottenere una stima accurata dei costi di spedizione.

    Fai un'offerta su questo articolo!

    Puoi offrire un prezzo più basso se sembra troppo alto. Il nostro Antiquario potrà quindi valutarlo e restituirti.

    Contatta il nostro antiquario!

    Non esitare ad inviare un messaggio al nostro Antiquario, sarà lieto di fornirti tutti i dettagli su questo oggetto.

    Oggetto in vendita presso

    Guarda la galleria
    Questa descrizione è stata tradotta. Clicca qui per vedere l'originale

    Questa bella cassettiera del primo terzo del XVIII secolo, con impiallacciatura in amaranto, canali in rame e ornamenti in bronzo, è un modello conosciuto di Etienne Doirat, con il timbro del maestro ebanista sul lato anteriore destro,

    Etienne Doirat è uno dei pochissimi maestri contemporanei di André Charles Boulle ad aver timbrato le sue creazioni, sembra che l'ebanista morto nel 1732 sia timbrato negli ultimi anni della sua carriera, il nostro cassettone può essere datato intorno agli anni 1720-30.

    Questo modello di cassettiera riprende le caratteristiche delle cassettiere con due file di cassetti con traverse apparenti eseguite dal maestro, con una forma che annuncia il Luigi XV con curve molto contenute, in pianta il fronte è curvo, gli stipiti anteriori sono arrotondati e si nota un dettaglio molto discreto che sono leggermente sporgenti ai lati, la cassettiera si allarga sul retro in una curva molto leggera,

    In elevazione il frontale si apre con due cassetti abbastanza alti che occupano bene il volume, i bordi dei cassetti sono sottolineati da un becco di corbino che dà ai frontali una leggera sporgenza, i due cassetti sono separati da una traversa vestita con un canale di rame, la traversa inferiore anch'essa sottolineata da un canale di rame è ritagliata nel suo centro con una base importante a lampada, gli stipiti frontali che sono arrotondati sono direttamente prolungati senza interruzione da piedi curvi.

    La parte anteriore e i lati del mobile sono impiallacciati di amaranto in pannelli piatti a bande, gli stipiti anteriori sono impiallacciati con due file di chevrons separati da una banda.

    Il telaio della cassettiera è interamente in abete, la costruzione consiste in 4 montanti, 2 pannelli laterali incastrati a maschio e femmina nei montanti, i piani intermedi sono tenonate nelle pareti laterali, i traversi superiori sono incastrati a coda di rondine nei montanti, il pannello superiore è incastrato nei traversi e il pannello posteriore è incastrato nei montanti posteriori.

    I cassetti sono assemblati secondo le tecniche usuali delle botteghe parigine della prima metà del XVIII secolo, i frontali in abete sono fatti da diverse tavole di abete incollate insieme per ottenere la forma, i fondi sono in noce e sono scanalati nei 4 lati, i lati assemblati con code di rondine sono finemente tagliati in olmo, È interessante notare che lo stesso legno, tagliato nello stesso modo, è usato per fare i lati di una cassettiera anch'essa timbrata Etienne Doirat che abbiamo nelle nostre collezioni.

    Il cassettone è arricchito da un bell'ornamento in bronzo, ancora Luigiquatorziano, che simboleggia la giovinezza e la vecchiaia con la testa di un vecchio, un uomo barbuto, che si può trovare anche su cassettoni timbrati Migeon IV, Lo stesso volto si trova su una serie di 4 bracci di luce eseguiti nel 1715 per la duchessa di Berry, Marie-Louise Elisabeth d'orléans, oggi conservati al Louvre. I due piedi anteriori sono ornati da pantofole con piede di cervo sormontate da fogliame. L'ornamentazione in bronzo è completata da cadute e maniglie successive, queste del XVIII secolo ma collocate più tardi, il cassettone era originariamente dotato di un pomello su una rosa, altra abitudine di Doirat. Si nota anche che il cassetto superiore non ha più la sua serratura e che il cassetto inferiore conserva la sua serratura originale in ferro.

    Per finire questo bel set il cassettone è sormontato dal suo marmo che è un bellissimo Rance del Belgio che si riconosce dai suoi fossili di Thamnoporas. Il marmo segue perfettamente la forma del mobile, è spesso e ha ancora un bordo posteriore ruvido, i bordi sinuosi del marmo sono lavorati con una doppia modanatura formata da un becco di corbino sulla parte superiore assottigliata di una larga cavità.

    I mobili di Etienne Doirat timbrati dal maestro restano rari sul mercato, sono un segno di qualità e sono una testimonianza importante dell'ebanisteria parigina dell'inizio del XVIII secolo.

    A proposito del maestro parigino, alleghiamo degli estratti di una recente biografia scritta per il libro su Robert Antoine Gaudreaus da Daniel Alcouffe, Elisabeth Grall e Jean Perfettini:

    "Prodotto del Faubourg Saint Antoine come Gaudreaus, era figlio di Joseph Doirat, muratore, e di Michelle Ferlu, sorella dell'ebanista Pierre Isaac Ferlu. Nacque intorno al 1670, sposò Marguerite Borel nel 1704, fu ricevuto come maestro prima del 1720 e morì nel 1732. Sua figlia Marguerite sposò Louis Simon Painsum, morto prima del 1748, con il quale collaborò. Aveva diversi indirizzi in

    Ref: WXFIAV45Y7

    Stile Luigi XIV, Reggenza (Comò Stile Luigi XIV, Reggenza)
    Epoca XVIII secolo (Comò Epoca XVIII secolo)
    Ebenista Etienne Doirat
    Materiali Amarante
    Tempi di spedizione Pronto per la spedizione in 4-7 giorni lavorativi
    Localizzazione 89260, La chapelle sur oreuse, Francia

    Garanzia Antikeo per l'acquirente

    Il nostro impegni per acquistare in totale sicurezza

    Trustpilot & Antikeo

    Le opinioni dei nostri clienti:

    trustpilot score4.7 / 5


    Newsletter

    Resta informato sulle nostre ultime novità

    Questo sito utilizza i cookie. Continuando la navigazione sul sito, si accetta il loro utilizzo.